Discussione:
EXCUSATIO NON PETITA ACCUSATIO MANIFESTA: chi ha le mani pulite?
(troppo vecchio per rispondere)
JuveFan
2003-11-29 08:59:37 UTC
Permalink
EXCUSATIO NON PETITA ACCUSATIO MANIFESTA
si dovrebbe dire.
Moggi mercoledi interviene nell'emittente radiofonica romana radio
radio e parla (su domande poste dai giornalisti in studio è bene
precisare) della situazione economica del calcio italiano.
Moggi specifica esplicitamente che non si riferisce a nessuna squadra
in particolare, e lo fa dicendo di voler evitare che poi qualcuno
possa dire che ce l'aveva con lui.
Ma evidentemente qualcuno ha la coda di paglia.
Moggi dice una verità, che ha i soldi per pagare tasse, stipendi ai
calciatori e contributi previdenziali, ma non lo fa e preferisce con
quei soldi comprare giocatori compie una slealtà, e ciò è
configurabile anche come frode sportiva.
Moggi dice che è molto probabile che a fine anno alcune società che
dovessero retrocedere faranno ricorso contro società che non sono
retrocesse ma che non hanno i conti a posto, e dice anche che si se
una squadra vince lo scudetto e non ha i conti a posto qualcuno
potrebbe presentare reclamo per violazione del principio di lealtà
sportiva.
Moggi dice:
"I club in regola che dovessero retrocedere - ha detto - potrebbero
avviare azioni legali. Le dichiarazioni di alcuni presidenti lo fanno
percepire chiaramente". E per lo scudetto? "Può succedere di tutto,
questo é un pericolo che esiste. Se una squadra non in regola con i
pagamenti di tasse, stipendi e altro vince lo scudetto, non é un
campionato regolare. Molti club dovrebbero cambiare proprietà -
prosegue Moggi -. Chi non può fare il presidente deve passare la mano.
E' bene che tutte le società si mettano in regola. I presidenti non
possono dire 'non pago nessuno così compro chi voglio' perchè é
concorrenza sleale e una frode. I bilanci vanno rispettati".
Moggi non solo non cita MAI la roma, ma all'inizio del suo intervento
specifica che non si rivolge a nessuna squadra in particolare.
Ma come detto qualcuno ha la coda di paglia.
E così il giorno successivo nella capitale si organizza in gran fretta
una conferenza stampa di risposta ad una persona che non aveva
chiamato in casusa la roma.
baldini dice:

Premesso che tutto avrei voluto tranne che ritrovarmi a dover
rispondere a
polemiche sollevate nei confronti della Roma, per rispetto alla linea
di
comportamento che la Roma ha deciso di seguire dall'inizio della
stagione.
Ma l'essere sempre chiamati in causa per problematiche che noi ben
conosciamo e che a norma di legge stiamo responsabilmente affrontando
e
risolvendo, utilizzando le possibilità che l'erario concede
dilazionando il
debito. Corre comunque l'obbligo di rimandare al mittente
dichiarazioni che
sono per lo meno inopportune ed ineleganti.
Ne io ne tanto meno Moggi, che come me ha preso e prende soldi dal
mondo del
calcio, ci possiamo permettere di indicare a quacuno che invece i
soldi li
ha sempre messi per far funzionare questo splendido spettacolo, come
gestire
o quando lasciare la guida di una società.

Riguardo al fatto che lo scudetto potrebbe essere falsato dal così
detto
Doping Amministrativo, non è certo a lui che dobbiamo rendere conto,
lui che
fa parte di una società sul banco degli imputati per doping, quello
farmacologico. Ci sono iter ben precisi da rispettare, se Galliani e
Giraudo
hanno accettato l'iscrizione della Roma al Campionato vuol dire che la
Roma
poteva essere iscritta, se Moggi ha delle rimostranze le presenti alla
federazione e non a noi.

I nostri dati sono sotto gli occhi di tutti, siamo una società quotata
in
borsa e il bilancio è pubblico. Se il presidente Sensi ha messo al
primo
posto il livello tecnico della squadra sfruttando la possibilità di
dilazionare il pagamento dei debiti all'erario, anche dovendo pagare
il 30%
in più all' IRPEF, è una scelta che fa parte di una Strategia ben
precisa ed
è assolutamente lecita.

Se l'intenzione di Moggi era quella di spostare il tiro dai problemi
di
doping che coinvolgono la sua società, dai favori arbitrali e
quant'altro,
il suo scopo lo ha raggiunto. Se voleva destabilizzare l'ambiente Roma
perchè è una squadra fortissima che fa paura a molti, ne lui ne
nessuno è in
grado di farlo perchè la squadra è compatta e forte più che mai.

Vogliamo rispetto come noi lo abbiamo sempre portato a tutti, il
presidente
Sensi è amareggiato e non escludo che in merito alle dichiarazioni di
Moggi
riguardanti "Frode Sportiva" o "Concorrenza Sleale" stia studiando con
il
suo ufficio legale se ci sono gli estremi per una denuncia.

Capisco più Gazzoni che a Bologna, per leggittima difesa, ha
rilasciato
quelle dichiarazioni. Lui ha preferito una strategia economica per la
sua
squadra ad una strategia di miglioramento tecnico.

Moggi andrebbe deferito? Noi dal primo all'ultimo lo siamo stati per
molto
meno, talmente velocemente che talvolta si è sfiorata la
contemporaneità
Dichiarazione-Deferimento.

Moggi è il re riconosciuto del mercato, ha una rete di conoscenze
consolidata ormai da tempo, non c'è "mamma incinta" il cui figlio non
sia
stato già opzionato, riconosco il suo grande valore in questo campo ma
credo
che non possa cimentarsi in dichiarazioni di etica sportiva.

A livello tecnico la corsa allo scudetto fra Roma e Juventus è
assolutamente
ad armi pari, e la Classifica rispecchia secondo me quello che si è
visto in
campo. Quello che non capisco è come mai solo gli scudetti conquistati
dalla
Juventus sono validi, bisognerebbe scriverlo come regola. Io non ci
credo e
non voglio crederci, ma se casomai alla fine del processo alla
Juventus
qualcuno venisse trovato in qualsiasi modo colpevole, non sarebbe
anche
questa una frode sportiva? Toglierebbero alla Juventus gli scudetti
conquistati? E poi non è anche questo doping amminitrativo falsando il
valore tecnico dei giocatori e quindi alzandone il valore di mercato?


baldini dice molte inesattezze, chiamiamole così.
Lui dice che :
Se il presidente Sensi ha messo al primo
posto il livello tecnico della squadra sfruttando la possibilità di
dilazionare il pagamento dei debiti all'erario, anche dovendo pagare
il 30%
in più all' IRPEF, è una scelta che fa parte di una Strategia ben
precisa ed
è assolutamente lecita.

la legge non consente nessuna dilazione. CI sono delle scadenze da
rispettare, delle tasse da pagare entro un preciso termine chi non lo
fa compie, come minimo un'illecito amministrativo, e gli viene
comminata una sanzione pecuniaria.
Non solo ma baldini dice che quella di non pagare tasse e contributi
previdenziali nel termine previsto :"fa parte di una Strategia ben
precisa ed
è assolutamente lecita".
Cioè la roma ha come strategia di non pagare tasse e contributi nei
termini previsti dalle leggi, e che questa strategia è "assolutamente
lecita".
A voi ogni commento.
baldini poi dice che:
se qualcuno arriverà davanti a noi siamo disposti a stingerli la mano
purchè questa sia pulita.
baldini forse dimentica che è un dipendente di una società che per le
festività natalizie regalò ad:
1) arbitri
2) guardalinee
3) designatori arbitrali
4) dirigenti FIGC
5) giornalisti
dei rolex del valore di 25000 euro, e l'anno successivo a queste
regalie la roma vinse lo scudetto.
Ma lui, e quelli della roma hanno le mani pulite....
Vorrei infine far notare che vi sono delle leggi che prevedono
specifiche sanzioni, non solo amministrative, per coloro che non
pagano tasse e contributi.
In particolare mi riferisco a :

Schema di decreto legislativo recante "Nuova disciplina dei reati in
materia
di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, ai sensi dell'articolo 9
della
legge 25 giugno 1999, n. 205" approvata dal Consiglio dei ministri il
5.1.2000


ARTICOLO 11 - Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte

1.Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la
reclusione
da uno a quattro anni chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di
imposte
sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni
amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo
superiore a
lire cento milioni, aliena simulatamente o compie altri atti
fraudolenti sui
propri o su altrui beni idonei a rendere in tutto o in parte
inefficace la
procedura di riscossione coattiva.

ARTICOLO 13 - Circostanza attenuante. Pagamento del debito tributario

1.Le pene previste per i delitti di cui al presente decreto sono
diminuite e
non si applicano le pene accessorie indicate nell'articolo 12. se,
prima
della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, i
debiti
tributari relativi ai fatti costitutivi dei delitti medesimi sono
stati
estinti mediante pagamento, anche a seguito delle speciali procedure
conciliative o di adesione all'accertamento previste dalle norme
tributarie.

2. A tale fine, il pagamento deve riguardare anche le sanzioni
amministrative previste per la violazione delle norme tributarie,
sebbene
non applicabili all'imputato a norma dell'articolo 18., comma 1.


disponibile on line all'indirizzo:
http://www.uniroma2.it/facolta/giurispr/cattedre/DirittoTributario/allegati_2000/00_01_10_schema_decreto_sanzioni_penali.htm

Moggi risponde a baldini nel segente modo:
Ecco la dichiarazione rilasciata dal direttore generale della Juventus
Luciano Moggi a seguito delle parole del direttore sportivo della
Roma.

"Non capisco la reazione di Franco Baldini e le sue considerazioni
sulla mia persona. Nel mio intervento non ho mai fatto cenno alla Roma
e a tutto ho pensato tranne che riferirmi specificatamente alla
società giallorossa. Ho invece ritenuto opportuno rivolgere le mie
parole al sistema calcio, alla situazione generale in cui versano, a
livello finanziario, certi club, alla luce delle indicazioni fornite
dall'Uefa per la licenza di iscrizione ai prossimi tornei europei,
problemi e valutazioni che riguardano anche noi della Juventus".

"D'Altra parte tutti i professionisti che operano seriamente nel mondo
del calcio, da Franco Baldini al sottoscritto, devono sentire il
bisogno e la necessità di una normalizzazione del sistema. Oppure
Baldini ritiene che tutto vada bene così? In questo caso non potrei
essere d'accordo con lui. Comunque chiedo scuso di aver lanciato un
appello al mondo del calcio e al suo momento difficile, con un
intervento che ha turbato a tal punto Franco Baldini da indurlo a
convocare una conferenza stampa per replicare alle mie considerazioni.
Il tempo, si dice, è galantuomo e dirà, dunque, chi ha ragione".

Infine una breve considerazione che illustra la situazione:
L'inter per risanare i suoi conti cede crespo e prende cruz, la roma
sceglie la strategia di non pagare, e i soldi che avrebbe dovuto
impiegare per pagare, tasse, contributi previdenziali, e stipendi ai
giocatori li impiega per comprare chivu, pagato 18 milioni di euro in
contanti.
Così la roma invece di cedere giocatori, come ha fatto l'inter, per
ripianare i suoi debiti prosegue nella sua "strategia" e compra chivu.
Il principio di lealtà sportiva è stato così forse rispettato?
Cosmo Kramer
2003-11-29 10:17:45 UTC
Permalink
"JuveFan"
Post by JuveFan
Può succedere di tutto,
questo é un pericolo che esiste. Se una squadra non in regola con i
pagamenti di tasse, stipendi e altro vince lo scudetto, non é un
campionato regolare.
sì, ma esiste in diritto sportivo una legge che lo stabilisca?
perchè, se allora si può dilazionare il pagamento ed è precisato dalle
normative, il fatto nn sussiste e quella di moggi finisce per essere una
considerazione giustissima, ma ristretta in un valore assoluto di eticità.

più che altro, un eventuale decreto spalmadebiti sul calcio sarebbe una
taroccata assurda, forse anche peggio dei benefici concessi a sensi sugli
extracomunitari prima di juve - roma.
che sensi, così come tutti coloro incapaci di fare i presidenti, se la
vedano da se.
non esiste che i soldi del contribuente (quindi anche miei...) vengano
impiegati per permettergli di comprare chivu o chi per lui.
se son sono in regola ne paghino le conseguenze.....anche a livello
societario.


--
CK
"Devo passar oltre e lasciarti stesa nel fango,
per punirti della guerra che hai mosso ai Greci,
o ti rialzerò, per rispetto verso tutto quello che
vi era di nobile e di generoso nella tua anima?"
JuveFan
2003-11-29 10:27:51 UTC
Permalink
Post by Cosmo Kramer
"JuveFan"
Post by JuveFan
Può succedere di tutto,
questo é un pericolo che esiste. Se una squadra non in regola con i
pagamenti di tasse, stipendi e altro vince lo scudetto, non é un
campionato regolare.
sì, ma esiste in diritto sportivo una legge che lo stabilisca?
c'è il principio di lealtà sportiva.
Post by Cosmo Kramer
perchè, se allora si può dilazionare il pagamento ed è precisato dalle
normative,
non credere alle cazzate che dice baldini. la legge non prevede alcuna
possibilità di dilazione. Le tasse si devono pagare entro un preciso termine
chi non lo fa commette, nella migliore delle ipotesi, un'illecito
amministrativo sanzionato da una sanzione amministrativa.


il fatto nn sussiste e quella di moggi finisce per essere una
Post by Cosmo Kramer
considerazione giustissima, ma ristretta in un valore assoluto di eticità.
non è così infatti.
Post by Cosmo Kramer
più che altro, un eventuale decreto spalmadebiti sul calcio sarebbe una
taroccata assurda, forse anche peggio dei benefici concessi a sensi sugli
extracomunitari prima di juve - roma.
che sensi, così come tutti coloro incapaci di fare i presidenti, se la
vedano da se.
non esiste che i soldi del contribuente (quindi anche miei...) vengano
impiegati per permettergli di comprare chivu o chi per lui.
esattamente
Post by Cosmo Kramer
se son sono in regola ne paghino le conseguenze.....anche a livello
societario.
esattamente

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Claudia
2003-11-29 13:07:39 UTC
Permalink
"JuveFan" <
Sono una lurkatrice ma intervengo questo giro....vi faccio una profezia,
tempo un anno la situazione di indebitamento della roma esploderà, né più né
meno di quello che è successo per la lazio, non basteranno neanche le
cessioni di giocatori importanti perché il "buco" è veramente
spaventoso.....
ispanik
2003-11-29 14:42:49 UTC
Permalink
il "buco" è veramente spaventoso.....
anche il tuo!!!

--

Bettega al termine della finale di Champions League con il Borussia
Dortmund: "Evidentemente,abbiamo giocato contro una federazione
calcistica piu' forte della nostra"
Poborsky
2003-11-29 16:01:43 UTC
Permalink
Post by Claudia
"JuveFan" <
Sono una lurkatrice ma intervengo questo giro....vi faccio una profezia,
tempo un anno la situazione di indebitamento della roma esploderà, né più né
meno di quello che è successo per la lazio, non basteranno neanche le
cessioni di giocatori importanti perché il "buco" è veramente
spaventoso.....
Dovresti postare più spesso.
Invece di tutti questi romettari del cazzo che scrivono solo stronzate, fa
piacere leggere qualcuno che scrive cose ineccepibili come fai tu.
Per il bene del calcio, speriamo davvero che la Roma sparisca.

Continua a leggere su narkive:
Loading...